Biografie

1920

Martars ai 30 di Novembar, tal borc di Burlons (Montenârs), al nas Francesco Placereani. Pai siei gjenitôrs, Giobatta (1887-1952, sorenomenât “Tite dal muini”) e Anna Zanitti (1891-1956, sorenomenade “Catine Anute”) al è il tierç fi. Ai 7 di Dicembar, vee de Imacolade, al ven batiât di pre Leone Quagliaro te glesie di Sante Eline; Francesco Andreussi di Dartigne e Anna Menis di Montenârs i fasin di santui.

 

1926

Ai 8 di Setembar al ven vescolât dal arcivescul di Udin Anastasio Rossi e l’an daspò al fâs la prime comunion.

 

1932

Martars ai 25 di Otubar, a 12 agns, al jentre tal ‘seminari di Cjastelîr (Pagnà) in prime Gjinasi. Ai 8 di Dicembar, fieste de Imacolade, i dan la vieste di predi.

 

1943

Il prin di Lui si impegne a vivi tal celibât e i dan il breviari, cul oblic di recitâlu ogni dì par intîr.

 

1944

Sabide ai 4 di Març al devente diacun. Domenie ai 9 di Lui, tal domo di Udin, al ven ordenât predi di bonsignôr Nogara. Domenie ai 16 di Lui al torne a Montenârs par dîsi la prime messe. Tal stes an, ai 11 di Setembar al ven destinât ae canoniche di Susans ma al refude la incarghe; po dopo al ven destinât a Glemone tant che capelan, ma nol reste nancje li.

Al ven mandât a Rome, ae Universitât Gregoriane li che al frecuente il “Russicum”, une istituzion che e je nassude a pro de formazion dai predis che a saressin lâts in Russie; al impare il Rus e la lenghe liturgjiche tal Istitût Pontifici Orientâl.

 

1946-1947

Dopo dalRussicum” al va a studiâ tal “Collegio Leonino”.

 

1948

Il mês di Març, cui professôrs Grundlach e Abellano, al discut la tesi di dotorât “Finalità e caratteristiche essenziali dei sindacati operai” e al cjape il titul di dotôr in Teologjie dogmatiche.

Dopo de lauree, cjapade cul massim dai vôts, al torne in Friûl. Stant che i vevin dât nissune incarghe, ai 20 di Avrîl al fâs domande ae Concistoriâl par vê il permès di slontanâsi de diocesi par une lungje dade di timp. I ven dât il permès ad annum.

 

1948-1952

Tal ’48, stant che la Curie i veve dât il permès di slontanâsi, pre Placerean al cjape sù l’invît dal vescul di Rosario e si trasferìs in Argjentine li che al cjape la incarghe di insegnant di Teologjie morâl tal ‘seminari di Rosari. Tal Dicembar dal 1949 il permès de Concistoriâl i ven slungjât ad triennium. Tal ’52, l’an che al mûr so pari, al  torne in Friûl.

 

1952

Al ven nomenât assistent eclesiastic de ACLI e de ACAI (associazion artesans) e assistent dai oms de Azion Catoliche. Tal ’52 al è un dai fondadôrs de “Scuele libare furlane”, che e veve chê di insegnâ a lei e a scrivi par furlan par rivâ adore a valorizâ il patrimoni culturâl furlan.

 

1953

Al refude cun zentilece l’invît, che i ven mandât ai 25 di Lui, dal arcivescul-abât di Vancouver in Canada, par un puest di insegnant tal ‘seminari de sô glesie. La Diocesi di Udin i da la incarghe di insegnant di religjon tai liceus classics “Stellini” di Udin e “Paolo Diacono” di Cividât dal Friûl.

 

1954

Tal mês di Mai al fâs lezions di teologjie a Buie cul titul “Quando Dio parla”.

 

1955

Al cjape part tal concors inmaneât de “Pro Civitate” di Assisi.

 

1958

Al tache a voltâ par furlan - diretamentri dal grêc - i Vanzei.

 

1962-1963

Al met in pîts, adun cun pre Pietro Londero, pre Saverio Beinat, Elteredo Pascolo e altris ancjemò, la associazion “Int Furlane” e un mensîl in lenghe furlane che al puarte il stes non (il prin numar al jes tal Març dal ’63).

 

1964-1966

Tal 1964 al scree il prin cors di teologjie par laics a Udin. Il teme che al ven tratât al è “Teologia e salvezza”. Tal 1965 al ten il secont cors di teologjie par laics, dut su la figure di Crist. La part di pre Placerean e à par titul “Gesù il Cristo, Figlio di Dio e nostro fratello”. Vie pal Unvier fra il 1965 e il 66 si davuelç il tierç cors di teologjie par laics sul Spirtu Sant. Tai stes agns si zonte ai students te proteste par sostignî la richieste di istituî la facoltât di Medisine ancje a Udin.

 

1966

Al è fra i fondadôrs, ai 9 di Zenâr dal 1966, dal “Moviment Friûl”.

 

1967

Al è un dai promotôrs de “Mozione del Clero per lo sviluppo sociale del Friuli” (“Mozion dal Clericât pal svilup sociâl dal Friûl”).

 

1968

Ai 2 di Març al cjape la lauree pe seconde volte, in Letaris e Filosofie, li de Universitât di Padue. Dopo la lauree al à il puest di docent di storie e filosofie tal Liceu sientific “Marinelli” di Udin.

 

1969-1970

Al fâs, a Pordenon, une schirie di conferencis sul teme “Vita cristiana esperienza di comunità”.

 

1970

Al publiche “Il Vanseli di N. S. Gjesù Crist voltât dal grec dal prof. Pre’ Checo Placerean” che al ven presentât a Aquilee ai 12 di Lui di chel an.

 

1971

Ai 11 di Lui al interven, a Aquilee, ae storiche presentazion dal messâl par furlan pal an A, curât lui. A la messe in marilenghe che si celebre daûr vie al partecipe ancje l'arcivescul di Gurize, bons. Pietro Cocolin, che al à concedût l'imprimatur a la opare.

 

1972

A vegnin publicâts “I faz”, “Lis letaris dai apuestui” e “L’Apocalisse” (in colaborazion cun pre Pieri Londero). Al jentre dentri tal Comitât pe Universitât dal Friûl.

 

1973

Al ven burît fûr il Messâl furlan pal an B, che nol vignarà distribuît parcè che i mancjave l’imprimatur. Al jentre dentri di “Rît furlan” e dopo di “Glesie Furlane” diventant daurman figure carismatiche di riferiment dal grop.

 

1974-1975

Al scomence a voltâ il Vecjo Testament. Tal Dicembar dal 1974 al finìs la traduzion dai “Salms”. Tal ’75 al finìs di voltâ Isaie che al vignarà publicât tal ’76.

 

1977

Al ven fûr il Messâl pai agns ABC.

 

1978

E ven buride fûr la traduzion dal libri di Gjeremie.

 

1979

Ai 20 di Fevrâr, insiemi cun pre Toni Beline, al firme un contrat che ju impegne a realizâ pal editôr Ribis dute la Bibie par furlan.

 

1982

Al lasse la scuele par dedicâsi in maniere complete ae traduzion de Bibie.

 

1983

I ven dât il Premi “Nadâl furlan”.

 

1984

Ai 22 di Jugn tal Palaç de Provincie di Udin al presente uficialmentri, adun cun pre Beline, la Bibie par furlan.

 

1986

Dopo di une malatie lungje e dolorose, pre Checo Placerean al mûr, martars ai 18 di Novembar, tal ospedâl di Udin. Chest al è il so testament spirituâl: "O intint di passâ di cheste vite in te fede di Jesù Crist che si è sacrificât par me seont la dutrine de glesie dal Ocident inte tradizion de glesie patriarcjâl di Aquilee che à nudrît la mê fede: in cheste fede o ai vivût e o intint, come che o ai dit, di murî. O domandi perdon a Diu di ducj i miei pecjâts e ju rimet al podê, come che a disin, des clâfs che Crist i à dât a la sô glesie. Se o ai ufindût cualchidun, cun umiltât o domandi perdon.

 

Par profondî inmò di plui la biografie di Pre Checo si segnale il volum di pre Antoni Beline “Pre’ Checo Placerean, notis par une biografie” (Tavagnà 1997).

 

 

Articoli non disponibili