DAF - Dizionari Autonomistic Furlan

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Vocabolari

Difficile sottovalutare, ai fini della conservazione della lingua nella coscienza dei parlanti, la pubblicazione dei vocabolari, che sono poi strumenti preziosi ai fini della produzione letteraria. Pasolini scrisse, infatti, di aver iniziato a scrivere in friulano da Bologna, attingendo alle pagine del vocabolario stampato dalla Società Filologica Friulana. La data di pubblicazione del “Vocabolario friulano” di Jacopo Pirona, avvenuta a Venezia nel 1871, dev’essere quindi considerata fondamentale non solo nella storia culturale della nostra regione ma anche nel processo di appropriazione culturale, da parte dei friulani, del loro patrimonio linguistico. Altrettanto importante fu, nel 1934, la pubblicazione del “Il nuovo Pirona”, vocabolario della lingua friulana, opera insigne di Ercole Carletti e Giovan Battista Corgnali, che aggiornarono e ampliarono lo studio di Jacopo Pirona. “Il nuovo Pirona”, che rimane il padre di tutti i successivi vocabolari, fu poi più volte ristampato dalla Società, con aggiornamenti di Giovanni Frau. In anni recenti apparvero i vocabolari di Giorgio Faggin, Maria Tore Barbina e Gianni Nazzi, quest’ultimo stampato a dispense dal “Messaggero Veneto” e poi raccolto in volume, tre strumenti non soltanto lessicali ma anche linguistici per il loro carattere fraseologico.