DAF - Dizionari Autonomistic Furlan

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Trieste

È il villaggio celtico ricordato da Strabone, segnalato anche nella Tabula Peutingeriana, che si trasformò in una città a partire dalla prima metà del Settecento, quando divenne il porto dell’impero asburgico. Tumultuoso il suo sviluppo nell’Ottocento, al quale contribuirono, soprattutto nell’edilizia, i friulani, ancora ben presenti nell’onomastica cittadina, come è facile constatare sfogliando l’elenco telefonico. La città, cosmopolita, acquistò un’affascinante personalità che nettamente la stacca e la allontana tanto dal Friuli quanto dall’Istria. Il Friuli è sicuramente una regione naturale anche se non segnata da ostacoli naturali di rilevante consistenza. È lecito domandarsi, allora, se Trieste, capitale anche del Friuli dal 1963, appartenga al Friuli fisico o all’Istria. È una domanda alla quale risponde, con insospettabili citazioni, Gino di Caporiacco nel pamphlet “Venezia Giulia, la regione inesistente”. Il Carli (“Antichità dell’Istria” libro I, par. VIII), considerando che Tolomeo e Strabone fissano il confine dell’Istria al Timavo, assegna la città alla penisola istriana; ma il Fistulario, appellandosi all’autorità di Plinio, è di diverso avviso. E il Kohen (“Dell’origine di Trieste”, 1829) afferma che “Augusto, osservando che Trieste col suo territorio abitato era dalla medesima popolazione che abitava il paese oggi chiamato Friuli, a questo e non all’Istria la volle aggiunta”. Egli conclude affermando che “appartiene Trieste per geografica posizione all’Istria, sebbene per conquista e politica collocazione essa facesse parte della Carnia”. Su “L’Archeografo triestino” de Rossetti scrive: “il territorio di Trieste, piccola stazione della provincia dell’Istria [...] confina al nord e all’est con la Carnia alpina, a ovest col mare, e colla residua parte dell’Istria al sud”. Ragionando, quindi, in termini geologici, si deve riconoscere che Trieste appartiene all’Istria; in termini storici fu talvolta inclusa in contesti carnici e ne subì l’influenza. In realtà oggi è una città-regione, secondo il nostro giudizio, molto diversa e distante sia dal Friuli che dall’Istria. Dal 1963 è la decentrata capitale della regione Friuli Venezia Giulia.