DAF - Dizionari Autonomistic Furlan

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Austriacante

Aggettivo politicamente infamante, di conio e uso risorgimentale, attribuito in Italia a tutti coloro che manifestavano simpatia per l’impero asburgico o, molto più semplicemente, che non si ornavano con la retorica bianca rossa e verde. Verso la metà degli anni Sessanta del Novecento fu rispolverato per bollare a fuoco i nuovi autonomisti del Movimento Friuli. Si continuava quindi a ragionare con la logica risorgimentale, dell’Ottocento e del primo Novecento, quando al di là delle Alpi orientali c’era soltanto l’Austria, ovvero l’impero austro-ungarico governato da Franz Joseph, quel Francesco Giuseppe che per dileggio veniva chiamato Cecco Beppe. Ma dopo la prima guerra mondiale, che aveva dissolto l’impero, al di là delle Alpi orientali rimaneva un’Austria esangue, non più legata all’Ungheria, e la federazione degli slavi del sud, la Jugoslavia. È interessante notare che l’equazione autonomista = austriacante (e non si capisce perché non slovenizzante) poteva essere applicata, per ragioni di contiguità territoriale, soltanto agli autonomisti friulani, non certo a quelli di altre regioni italiane, per esempio ai valdostani o ai sardi!

 

Emerografia: L.C. (Leone Comini), Cecco Beppe in Carnia, Il Gazzettino 3 dicembre 1967; I giovani dc denunciano le manovre dei separatisti, Messaggero Veneto 12 dicembre 1967; Friulani austriacanti?, Il Postiglione delle Alpi, Canazei 7 aprile 1968; Mario Cervi, Inchiesta nell’Italia che vota. Trieste tra fiducia e protesta, Corriere della Sera 3 aprile 1968; Fausto Schiavi, Movimento Friuli, Corriere della Sera 18 aprile 1968; Lettere al Messaggero. Li conoscono bene, Messaggero Veneto 26 aprile 1968; Franco Nencini, Udine non ama Trieste, Il Resto del Carlino 13 dicembre 1968; Gianfranco Ellero, Non torneranno con Cecco Beppe, 20 dicembre 1968.