DAF - Dizionari Autonomistic Furlan

a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Autonomie Furlane

“La forme politiche de regjon FriuliVenzia Giulia no lasse nissune possibilitât ’e valorizazion des nestris carateristichis e dai nestris intares, tant plui ch’è je insedade tun stât centralizât, ch’al strenç dut il podè in pocjs mans”. Da questa considerazione di base, maturatasi in taluni ambienti in questi ultimi dieci anni, ha preso vita “Autonomie Furlane”, non un nuovo partito, ma una associazione culturale, costituitasi ufficialmente venerdì 7 marzo 1986 al ristorante “Al Podere” di Martignacco, su inziativa personale di Federico Rossi, direttore di Onde Furlane, di Mauro Tosoni, direttore di In Uaite, e di pre Antoni Beline, direttore de La Patrie dal Friûl. Vi hanno aderito già una quarantina di persone. Obiettivo, detto in breve, è quello di istituire “la regjon autonome Friûl”, svincolata da Trieste. Una vecchia proposta del Movimento Friuli, poi caduta nel dimenticatoio e, proprio per questo, ripresa. “Istituire ‘la regjon autonome Friûl’ non significa – si legge nel documento base di ‘Autonomie Furlane’, quattro carte fittamente dattiloscritte in lingua friulana – staccarsi tout court da Trieste, ma gettare le basi ‘per una nuova identità politica in grado di portare i friulani ad un livello di autogoverno’...”. Lontana dall’idea di costituire un nuovo partito politico, Autonomie Furlane, denunciata “la debolezza e l’isolamento del Movimento Friuli”, si propone di diventare un centro di raccolta e di organizzazione, finora assente, in grado di coordinare ed organizzare “dute la fuarce che il popul furlan al è in grât di meti sul plat”. Così Mauro Nalato su “La Vita Cattolica” del 15 marzo 1986.